Decreto fiscale via libera al Senato. Un esonero con limiti alla fatturazione elettronica per le ASD

di 03/12/2018 Dicembre 16th, 2018 Associazioni sportive

Il Senato ha approvato il testo di conversione del decreto fiscale 119/2018 che rientra nel piano Stabilità 2019, testo che ora attende il sì alla Camera.

In sede referente sono stati approvati due emendamenti all’articolo 10 del DL  che disciplina la fatturazione elettronica.

Gli emendamenti inseriscono, fra coloro che sono esonerati dalle disposizioni che impongono l’emissione esclusiva di fatture elettroniche per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, anche i soggetti che applicano il regime forfettario (opzionale) di cui agli articoli 1 e 2 della legge 398/1991. Il perimetro di esonero viene fissato a 65.000 euro, come cifra limite per i proventi  conseguiti dall’esercizio di attività commerciali nel periodo d’imposta precedente.

È importante sottolineare che il regime forfettario opzionale si applica ad associazioni sportive dilettantistiche che conseguono proventi derivanti da attività commerciali non superiori alla soglia di 400.000 euro, che sono, tra l’altro esonerati dagli obblighi di tenuta delle scritture contabili. Per i soggetti che rientrano in questa categoria ma superano la soglia dei 65000 euro, è prevista una specifica norma che prevede che gli stessi debbano assicurare che la fattura sia emessa per loro conto dal cessionario o committente soggetto passivo d’imposta.

Infine, il comma 01-bis dispone in ordine agli obblighi di fatturazione e registrazione relativi a contratti di sponsorizzazione e pubblicità dai soggetti che applicano il regime forfettario opzionale di cui agli articoli 1 e 2 della legge 16 dicembre 1991, n. 398, che gli stessi nei confronti di soggetti passivi stabiliti nel territorio dello Stato, siano adempiuti dai cessionari.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.